UN POLMONE NEL BEL MEZZO DELLA BRIANZA INDUSTRIALE: Il PARCO DELLA BRUGHIERA BRIANTEA

Il Parco della Brughiera in Brianza

Il Parco della Brughiera Briantea è una delle più vaste aree forestali della pianura lombarda (2.603 ettari) e si trova tra Milano e Como, comprendendo diversi comuni: Cabiate, Lentate sul Seveso, Meda, Mariano Comense, Carimate, Cermenate, Novedrate, Figino Serenza, Carugo e Brenna.

È un parco regionale della Lombardia nato con lo scopo di proteggere flora, fauna e aree di interesse geologico del territorio della Brianza comense.

Infatti, il parco rappresenta un polmone verde, un ambiente naturale della Brianza, zona dove l’urbanizzazione ha distrutto gran parte della natura rimasta.

Infine, bisogna considerare che il parco è un luogo di particolare importanza per i Comuni al suo margine. Essi infatti, da consorziati, si impegnano a proteggerlo e mantenerlo come “Parco di Interesse Locale Sovracomunale” (PLIS).

L’ambiente del Parco della Brughiera in Brianza

Il Parco della Brughiera Briantea deve il proprio nome alla brughiera, formazione vegetale molto diffusa in Brianza.

I boschi sono caratterizzati in prevalenza dalla presenza di querce, castagni, pini silvestri e sono interrotti da aree di prateria e di brughiera.

In questo territorio il bosco si presenta in molte forme differenti, in relazione alle differenti condizioni ambientali e all’azione dell’uomo.

La natura argillosa del suolo ha permesso lo sviluppo dell’industria di estrazione e lavorazione dell’argilla. Le cave abbandonate ospitano oggi diversi laghetti. A Mariano Comense la fornace Fusari è ancora attiva ed è visitabile per scoprire i metodi di lavorazione dell’argilla.

Inoltre, di rilievo è la presenza di zone umide, in genere non molto estese ma di grande interesse ambientale, poiché consentono la sosta e la riproduzione di specie che non potrebbero esistere nella fauna del parco.

La flora e la fauna del Parco brianteo

Le specie animali e vegetali che popolano il Parco della Brughiera Briantea sono tipiche dell’ambiente forestale della zona.

L’esistenza di aree prative e di colture, che irregolarmente interrompono la continuità degli ecosistemi forestali, incrementa considerevolmente la biodiversità generale del Parco, creando i presupposti per l’instaurarsi di popolamenti faunistici sufficientemente diversificati.

Infatti, nel parco brianteo sono presenti anche specie legate agli ambienti modificati e gestiti artificialmente dall’uomo.

Una gita alla scoperta del Parco della Brughiera Briantea

Lungo le vie del parco ci sono vari sentieri che si possono percorrere a piedi o in bici.

Questa area è caratterizzata dall’alternanza di spazi pianeggianti e spazi dolcemente ondulati che permettono a tutti i visitatori del luogo di stare in mezzo alla natura e respirare aria pulita nel bel mezzo di un grande centro industriale quale è la Brianza.

 

IL POLMONE DELLA BRIANZA: IL PARCO DELLA BRUGHIERA

Potrebbe anche interessarti